Una donna e la sua gonna, cioè io e la voglia di indossarne una.

0

Una donna e la sua gonna… cioè io e la voglia di indossarne una.

Si dice che “l’erba voglio non cresce neanche nel giardino del re“.  Ebbene in barba al re, voglio indossare la gonna.   Non ho vent’anni, a dire il vero neanche trenta… i quaranta mi son voltata un secondo e si sono allontanati, mi rigiro e oddio cosa vedo?! I cinquanta! Momento di panico, oddio com’è che quando pensavo da ragazzina alle cinquantenni, l’associazione con nonna Angela era automatica?  Ora li vedo davanti a me!?  Credo sia giunta l’ora di poter pronunciare la parola “voglio” senza dover troppo pensare alle conseguenze. Si si… è giunta l’ora. Quindi VOGLIO!

Voglio indossare la gonna.

Ne ho indossate davvero poche in vita mia, ho sempre pensato di non essere abbastanza proporzionata, ho un pessimo rapporto con i miei fianchi, non parliamo delle gambe, alle caviglie non rivolgo la parola ormai da anni. Ma ora voglio indossare la gonna.  Voglio fare fatica a sedermi in auto e ad andare al bagno, sentirne il fruscio quando cammino.
Voglio stiparle nell’armadio, una, dieci, ma anche di più. Di tutti i colori e tessuti. Gonne larghe lunghe, al ginocchio, alla caviglia, magari non corte o cortissime… Voglio indiossarle con lo stivale durante il giorno, con le dècolletè tacco 12 durante le serate mondane. Voglio tornare la sera e togliendo le scarpe dirigermi a piedi scalzi verso la camera e con le mani abbassare la zip per far scivolare la mia gonna a terra come in un film, lasciarla abbandonata lì proprio dove è cascata. 

Basta pensare ai miei fianchi, io sono loro. Basta snobbare le caviglie, non son perfette, anzi son proprio brutte, ma son mie. Non sono fisicamente impeccabile, non ho vent’anni, ma ho avuto una vita piena, come la maggior parte delle donne della mia età. Ho un’anima che ritengo adeguatamente sensuale che abbinata al corpo burroso che mi ritrovo, alla mia ironia e voglia di ridere si sposa benissimo con una gonna esageratamente lunga. E credo che tutto questo possa adeguatamente competere e vincere su una simil statua greca senza anima dal palato grossolano. In fondo anche Mary Poppins non era chic, nè griffata, ma aveva una cosa che non si compra, stile.

gonna-a-pieghe-blu

La mia gonna a pieghe blu lunga fino alla caviglia… adoro!

 

gonna-anni-50

a quadretti Vichy ampia dal sapore degli anni ’50.

 

Gonna-ampia-asimmetrica

Gonna asimmetrica in tweed.

 

Gonna ampia e lunghissima con filo di alluminio

Gonna lunga dalla struttura semi rigida, ma ultra leggera.

 

gonna di tulle a pois

La gonna romantica lunghissima, di tulle a più strati.

 

 

 

 

 

 

 

Una donna e la sua gonna, cioè io e la voglia di indossarne una. | © Stylettissimo.it
Condividi

Autore

Tre amiche, tre vite, tre mondi diversi, un solo amore… le borse, le scarpe, gli accessori.

Lascia un commento

Trova cuccioli di cani e gatti in regalo da privati, associazioni e negozianti di animali in tutta italia.